Anche le azioni più comuni come il dormire o il mangiare hanno sempre luogo in uno spazio che possiede delle peculiarità che lo rendono unico rispetto ad ogni altro. Siamo così di fronte al Genius Loci, quell’entità naturale legata a un luogo, che Norberg-Schulz rievoca a giustificare l’indissolubile connessione tra ogni forma di azione e il luogo in cui essa si svolge. Quando poi a un’azione semplice ne sostituiamo una più articolata e complessa come la produzione artistica, il legame tra luogo e azione appare ancora più forte ed evidente.

L’arte usa lo spazio, sia naturale che antropizzato, come una tela ma allo stesso tempo è il luogo a caratterizzare l’opera artistica creando un legame tra le due entità.

In questo numero OFFICINA* indaga i meccanismi che sottostanno a questi processi, oggi accentuati da una “cultura urbana” che tende a impadronirsi dei luoghi, a trasformarli per poi abbandonarli quando non sono più utili. In un passaggio dal naturale all’antropizzato, il numero presenta quindi varie modalità di relazione e contaminazione tra forme artistiche quali la scultura, il teatro, il cinema e la street art e gli spazi in cui tali opere hanno luogo.

dolomiti contemporanee arti in luogo officna 16 incipit editore
lago film fest arti in luogo officina 16 incipit editore
Venice open stage officina 16 arti in luogo incipit editore

1 | Progetto Borca, Dolomiti Contemporanee, Borca di Cadore. Crediti: G. De Donà
2 | Lago Film Fest, Revine Lago. Crediti: Anna Carmignola
3 | Venice Open Stage, Venezia. Crediti: Ginevra Formentini

ARTI IN LUOGO

Introduzione Emilio Antoniol
Art in Nature Layla Betti
La pratica di Dolomiti Contemporanee Gianluca D’Incà Levis
Lago Film Fest Ilaria Frare e Nicole Tressoldi
Venice Open Stage Edoardo Lazzari e David Angeli
Donato Sartori e il Mascheramento Urbano Sarah Sartori
Decadenza urbana Giada Pellicari
Infondo a cura di Emilio Antoniol e Chiara Trojetto

ESPLORARE a cura di Valentina Manfè

PORTFOLIO
Straordinaria quotidianità Edoardo Gamba

IN PRODUZIONE
Arte lapicida Margherita Ferrari

VOGLIO FARE L’ARCHITETTO
Santiago Calatrava: da Venezia a Valencia Cristina Basei

IMMERSIONE
Il nuovo Museo della Musica di Palazzo Pisani
Enrico Bertolotti

BIM NOTES
La modellazione del costruito: da nuvole di punti
a HBIM Paolo Borin e Carlo Zanchetta

MICROFONO ACCESO
Luca Agnani a cura di Valentina Covre

CELLULOSA
New York New York… lascia il segno
a cura dei Librai della Marcopolo

(S)COMPOSIZIONE
Mica Van Gogh a cura di Emilio Antoniol e Margherita Ferrari

 

 

Formato

21 x 27 cm

Pagine

74

Stampa

Colori

Carta

Copertina, Usomani 300 gr
Interna, Usomani 130 gr

Rilegatura

Brossura fresata

Spedizione

Ordinaria, + 1,50 €