Il principio di elementarizzazione ha sempre assunto una particolare rilevanza per chi ha pensato la forma architettonica, anche e soprattutto, come forma della costruzione. Esso si riferisce infatti, oltre che a un processo analitico, a un processo di attribuzione di senso e, dunque, a un processo tipicamente espressivo.

Letto dal punto di vista della costruzione, il principio di elementarizzazione si basa su regole semplici e irriducibili, su gerarchie esplicite, sulla linearità e l’intellegibilità nella trasmissione dei carichi, sull’evidenza degli assemblaggi e delle connessioni tra le parti. Tutto ciò riporta alla memoria questioni antiche ed esempi ancora più antichi; il presente testo guarda però all’architettura moderna e contemporanea, con l’obiettivo di mostrare come quei principi di gerarchia, linearità ed evidenza, pur non essendo più esclusivi e pur avendo perso ogni valore assiomatico, si siano arricchiti nel tempo di nuove e importanti interpretazioni.

La prima parte del volume è dedicata a ripercorrere tali interpretazioni, riconoscendone le basi teoriche, le regole di formalizzazione e i rapporti con altre pratiche artistiche. La seconda è dedicata ad alcuni approfondimenti monografici. Mies van der Rohe, Bunshaft, Fisac, Utzon, Vilanova Artigas, Lewerentz e, infine, Mansilla + Tuñón e García Abril, sono i protagonisti, con le loro opere, di tali approfondimenti. Anche se rimandi e influenze reciproche non mancano, scegliendoli non si sono volute istituire relazioni dirette e, tantomeno, si è voluto individuare una linea di ricerca univoca e progressiva. Anzi, esattamente il contrario. D’altronde, applicato all’architettura e alla costruzione, il concetto di elementare è un perfetto idealtipo weberiano: è altamente selettivo, ma arriva a contenere gli opposti.

ELEMENTARISMI COSTRUTTIVI

Introduzione
CANTIERI, SCHELETRI E ROVINE
di Marco Ferrari

FORME E VITALITÀ DELL’ELEMENTARISMO
di Marco Ferrari

Approfondimenti

MIES VAN DER ROHE: ELEMENTARISMO TETTONICO
Il podio, il recinto e il riparo “pelle e ossa”
di Martino Doimo

TRA INTERNAZIONALISMO E MONUMENTALISMO: L’ELEMENTARI DI BUNSHAFT
di Marco Ferrari

MIGUEL FISAC E LA RICCHEZZA DELLA SENCILLEZ
di Claudia Pirina

JØRN UTZON: ELEMENTARISMI DOMESTICI
di Marco Ferrari

LE SCATOLE MAGICHE DI VILANOVA ARTIGAS.
Come rendere il difficile elementare attraverso il meraviglioso

di Aldo Aymonino

SIGURD LEWERENTZ: IL “QUI E ORA” DELLA COSTRUZIONE
di Marco Ferrari

MANSILLA + TUÑÓN E IL “GIOCO DISCIPLINATO”
di Pietro Ferrara

L’ARCHITETTURA MESSA A NUDO DI ANTÒN ABRIL
di Valerio Paolo Mosco

Formato

16,8 x 24 cm

Pagine

144

Stampa

Colori

Carta

Copertina con alette, Fedrigoni – Splendorgel Extra White (FSC) 300 gr
Interno, Usomano – Burgo 140 gr

Rilegatura

Cucitura filo refe

Spedizione

Ordinaria, + 1,50 €